martedì 11 dicembre 2007


 


Pelle di pesca hai,
morbida e setosa.
E rugiada d'estate fra le tue gambe tese.
E gocce lente lungo la tua schiena.
E brividi leggeri sui tuoi seni ampi.
Pelle di pesca sei,
e rosa delicata da annusare.
E velluto color carne da toccare.
Pelle di pesca diventa il tuo corpo lucente,
bagnato di passione,
divorato dalla mia bocca,
illuminato dalla luna.
Quando il mattino ti sfiora e la notte ti avvolge,
quando ti avvicini languida e nuda,
il tuo solco umido, mia piccola pesca,
è ancora più di te un frutto maturo,
succoso da mordere, saporito e tenero,
sotto le mie labbra ardenti.


 



1 commento:

  1. the power of love
    ma quanti ricordi felici
    bellissima questa canzone

    RispondiElimina