lunedì 21 giugno 2010

 Isis (o Iside) è la dea egizia della maternità e della fertilità.


 


 Astarte era la Grande Madre fenicia, sposa di Adone, legata alla fertilità, alla fecondità ed alla guerra.


 


 


 Diana è una dea italica, latina e romana, signora delle selve, protettrice degli animali selvatici, custode delle fonti e dei torrenti, protettrice delle donne, cui assicurava parti non dolorosi, e dispensatrice della sovranità. Più tardi fu assimilata alla dea greca Artemide assumendone il carattere di dea della caccia e l'accostamento alla Luna.


 


 


 Hecate è una dea greco-romana associata alla magia. Nasce come dea della rigenerazione ma Zeus la tramuta nella più impenetrabile e misteriosa delle dee, dandole un aspetto insidioso e terrificante.


 


 


 Demeter (o Demetra) nella mitologia greca è la dea del grano e dell'agricoltura, costante nutrice della gioventù e della terra verde, artefice del ciclo delle stagioni, della vita e della morte. Molto bella la storia del rapporto con sua figlia Persefone


 


 


 Kali, dea indiana, rappresenta l'aspetto guerriero di Parvati, la consorte di Śiva. Nonostante sia grossolanamente identificata come simbolo di oscurità e violenza, si tratta di una dea benefica e terribile al tempo stesso, dotata di numerosi attributi dal profondo significato simbolico:
- la carnagione scura rimanda alla dissoluzione di ogni individualità;
- la nudità della dea rappresenta la caduta di ogni illusione;
- il laccio con cui prende le teste per mozzarle rappresenta il crollo di tutto ciò che esiste;
- le quattro braccia reggono strumenti di distruzione e purificazione;
- al collo indossa una collana fatta con i teschi di Asura (demoni).
È conosciuta anche come Mahadevi (la grande dea) e assume aspetti diversi.


 


 



 Inanna è la dea sumera della fecondità, dell'amore e della bellezza (assimilata alla babilonese Ishtar, alla greca Afrodite e alla romana Venere). Inoltre governa i raccolti e la fertilità oltre alla guerra.


 


Perchè questo post? Perchè oggi ho letto che James Cameron per creare gli abitanti del Pianeta Pandora ha fatto un mix delle particolarità di queste dee.


Presso la religione Induista, un avatar è l'assunzione di un corpo fisico da parte di Dio o di uno dei Suoi aspetti. Questa parola deriva dalla lingua sanscrita e significa "disceso"; nella tradizione religiosa induista consiste nella deliberata incarnazione di un Deva (ciò che è divino), o del Signore stesso, in un corpo fisico al fine di svolgere determinati compiti.


Infatti se su "Immagini" di Google digitate "Divinità Induista", vi appariranno gli dei colorati di blu proprio come gli Avatar di Cameron.


E poi c'è anche una coincidenza strana, e cioè che le sette dee sopracitate sono le stesse sette dee che vengono invocate e adorate dalle streghe.


P.S. se fate attenzione noterete che nella canzone (o Mantra) che state sentendo vengono continuamente nominati i nomi delle sette dee in questo ordine: Isis, Astarte, Diana, Hecate, Demeter, Kali, Inanna.







 


 


 


 

1 commento:

  1. utente anonimo22 giugno, 2010

    le sette dee che vengono adorate dalle streghe.......tutto chiaro

    RispondiElimina